Il Club Scherma Ancona ha l'oro in bocca e regala all'Italia il trono del mondo

24.11.2019

Moedling (Austria) - È calato pochi istanti fa il sipario sulla Prova di Coppa del Mondo Cadetti, in programma a Moedling, località a 14 km. da Vienna. La compagine anconetana formata da Benedetta Pantanetti, Alice Gambitta, Giada Pianella ed i ragazzi Raian Adoul, Marco Proietti e Gabriele Baldelli, accompagnati dai maestri Marina Montelli e Francesco Archivio, era partita venerdì mattina alla volta dell'Austria. Un viaggio di 960 km. da percorrere in 9 ore, carico di speranze e buoni propositi.

E le speranze, come avrà già avuto modo di sapere chi ci ha seguito sul canale Facebook del Club Scherma Ancona (link alla pagiina), non sono state disattese, anzi, sono andate oltre ogni più rosea aspettativa.

Proprio così, perchè i nostri ragazzi hanno disputato delle ottime gare permettendosi anche il lusso di portarsi a casa una medaglia d'oro, anzi tre per l'esattezza, perchè si tratta di una medaglia d'oro nella specialità fioretto a squadre femminile che colloca l'Italia e il Club Scherma Ancona sulla vetta del mondo di categoria e che inorgoglisce tutto il movimento schermistico italiano e marchigiano e, non neghiamolo, anche quello prettamente anconetano, che negli anni ha sempre occupato per varie vicissitudini, il secondo gradino dopo la scuola jesina pur sfornando atleti di alto livello.

Oggi abbiamo la certezza che stiamo coltivando in seno al nostro Club dei grossi talenti, frutto anche di lavoro e dedizione da parte di tutto lo staff tecnico oltre che ovviamente degli stessi ragazzi. Un lavoro che va avanti, a volte con qualche difficoltà economica, dovuta alla mancanza di sponsor, che però, a questo punto potrebbero iniziare a mettere gli occhi su questa realtà che esporta nel mondo un Made in Italy sano e vincente di una regione, le Marche, che fa invidia a molti. Chissà che magari qualche imprenditore lungimirante...

Ma in questa trasferta austriaca, anche i ragazzi non sono stati a guardare. Nella prova individuale, spettacolare 16º posto per Marco Proietti, secondo italiano nei primi 16 solo dopo a Damiano Di Veroli (G.Verne Scherma). Una soddisfazione ed una emozione che Marco ricorderà per sempre e che lo stimoleranno a continuare il costante e duro lavoro in palestra aprendogli scenari, fino a qualche tempo fa, probabilmente impensabili. 

Decisamente in ombra le ragazze nella gara individuale che perdono tutte nel tabellone per l'accesso alle 16. Dopo l'oro, probabilmente hanno accusato un calo di tensione e stanchezza che a quest'età è da mettere in conto e che comunque non macchia in alcun modo un weekend memorabile. Se si esclude la prova di Marco Proietti, stessa cosa possiamo dire per Raian Adoul e Gabriele Baldelli che fermano la loro gara anzitempo nel tabellone dei 128 dopo aver disputato degli ottimi gironi. Esperienza, esperienza da mettere a frutto per il futuro.

Ma se l'individuale è andato così così, la gara a squadre maschile ha riservato ai nostri ragazzi un'altra enorme soddisfazione perchè portare a casa una quarta posizione (la classica medaglia di legno), ha quasi il sapore di una vittoria. Certo non avranno la medaglia al collo  e non saranno nemmeno saliti sul podio ma hanno messo in fila team di consistenza rilevante a partire da tutti gli altri team italiani in gara...se non son soddisfazioni queste...

Quindi una gara meravigliosa ed un posto di cui comunque andare fieri ed orgogliosi.

Saremo ripetitivi ma quanto fatto dal Club Scherma Ancona non può prescidere da una serie di componenti importanti in un Club schermistico che vanno dallo staff tecnico (maestri, armiere, presidenza, consiglio direttivo), ai genitori e familiari che condividono gioie e dolori dei loro figli che non lesinano impegno economico e di tempo sapendo che quello di via Monte Pelago è il posto migliore dove poter portare un figlio, al di là di ogni risultato e talento.

Grazie ancora una volta ragazzi...vi vogliamo bene ❤️