FantAlice marcia su Roma e conquista l'oro

18.01.2020

Fito Andrea Trifiletti /Biffi Team

ROMA - Ci sono giorni che volano via nella routine quotidiana, ce ne sono altri che varrebbe la pena incorniciare perchè regalano gioie ed emozioni che vanno archiviati gelosamente nell'album dei ricordi. Ed oggi è uno di quelli per la nostra FantAlice Gambitta che, alla seconda prova nazionale cadetti, specialità fioretto femminile, sale maestosamente in cattedra andando a conquistare il gradino più alto del podio romano, con una prova di consapevole ed ineguagliabile superiorità mentale, tecnica e di carattere.

La sua gara parte subito bene già dai gironi dove, testa di serie n.1 del girone 5, lo domina facendo 6 su 6 (30 le stoccate date e solo 10 le subite). Ma c'è chi fa meglio di lei e, al termine dei gironi Alice è “solo” decima, posizione che comunque le consente accedere direttamente alle dirette valide per l'accesso alle 32. Pronti...via...e FantAlice non consente nemmeno di fiatare alla sua avversaria di turno, Chiara Paiano. Ha gli occhi spiritati della tigre, Alice, gli occhi di chi non vuole lasciare nulla al caso, la tempra di chi deve togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Ai 32esimi c'è la spezina Benedetta Madrignani con cui Alice chiude subito la pratica terminando l'assalto sul punteggio di 15 stoccate a 8. Chi la conosce, papà Gianfranco in primis e i suoi maestri Marina Montelli e Francesco Archivio, oggi al seguito della delegazione dorica, sanno che questo è il momento critico per Alice, il momento in cui in altre gare è iniziata a calare l'ombra del nervosismo e della tensione che hanno compromesso il cammino della loro “stella”. Ma oggi quella stella sembra di un lucente inconsueto, calma, lucida, serena e concedetecelo...spietata. Si tira per l'accesso alle 8 e l'atleta da superare è Beatrice Fava (circolo della Scherma Cervia). Un battito di ciglia, un paio di fluetti elegantemente assestati ed anche questa è fatta. Analogo punteggio dell'assalto precedente ed accesso nel tabellone delle 8. Un rapido debriefing con i maestri Marina e Francesco e Alice si presenta in pedana per conquistare una delle due semifinali. La maschera cala in modo deciso, quasi violento, Alice è chiaro che c'è, ed ha il pieno controllo di se stessa andando a sfidare l'atleta del Pisa Scherma, Lucilla Caterina Delitala a cui FantAlice non consente nemmeno di tastare la pedana.....15 a 5, gioco, partita, incontro, un'avversaria completamente stordita sotto i colpi ricevuti e semifinale conquistata. Sarebbe già un risultato brillante ma Alice oggi vuole arrivare in alto, il sangue ben ossigenato scorre nelle vene e consente ad Alice di mantenere lucidità. Il tabellone dice che sarà derby marchigiano...la scuola dorica di Alice contro quella jesina di Matilde Calvanese. In guardia...a voi....boom!!! Fragoroso 15 a 9, assalto senza storia...lacrime di gioia e finale conquistata. Il resto è storia. Oro e primo gradino del podio dopo aver battuto in finale la livornese Karen Biasco (15-10)

Una grandissima prova, un oro meritatissimo, una Club in festa ed una Alice sorridente mettono in archivio una nuova pagina vincente del Club Scherma Ancona che non poteva iniziare meglio questo 2020. 

Ed il resto della comitiva? Non ce ne vogliano le altre ragazze scese in pedana se ci siamo dilungati sulla favola romana della nostra gladiatrice. Buona prova di Giada Pianella giunta 12ª, precedendo Benedetta Pantanetti 18ª apparsa un pò sotto tono. Nelle retrovie segnaliamo Alessandra Costaggiu che chiude al 58º posto, Vittoria Guidoni 70ª e Sara Mariucci 95ª.

Grande giornata, grande Alice, grande Club Scherma Ancona!!!