Grandi risultati da Foggia per il Club Scherma Ancona

28.10.2018

FOGGIA - E' andata in archivio la 1^ Prova di Qualificazione Nazionale Cadetti. Sulle 24 pedane installate sul luogo di gara, sono saliti complessivamente complessivamente 580 atleti under 17 pronti a conquistare piazzamenti di spessore per un posto al Campionato Italiano di categoria in programma a fine maggio a Lecce.

Da queste due giornate, il Club Scherma Ancona torna con un ottimo bottino. Guidati a bordo pedana dai maestri Marina Montelli e Maria Margherita Mattei i nostri ragazzi hanno espresso una buona scherma che ha portato a conquistare, nel fioretto maschile, il 6° posto di Raian Adoul, che in quarto di finale tiratissimo con Matteo Panazzolo - Comini Padova (15-12 il risultato finale dell'assalto), ha mancato per poco l'ingresso in semifinale che avrebbe potuto spalancargli le porte del podio.  Anche il resto della spedizione non è rimasta a guardare piazzandosi nella classifica finale con queste posizionisu un parco complessivo di 208 atleti:

29° Gabriele Baldelli - 64° Marco Proietti - 75° Federico Naccarello - 136° Matteo Manca - 142° Jetmire Giacchetti.

Adoul e Baldelli si sono già qualificati per la gara Campionato Italiano categoria Giovani che si svolgeranno a Ravenna a fine Novembre, resta ancora in sospeso la posizione di Proietti giunto 64° mentre per la qualificarsi bisognava arrivare entro il 63° ovvero il 30%.

Nel fioretto femminile ancora più soddisfazioni visto che ben 5 ragazze si sono qualificate per la gara di Ravenna rientrando con i loro eccellenti piazzamenti tra le prime 63 su 136 partecipanti alla competizione . 

Il 9° posto di Benedetta Pantanetti, il 15° di Alice Gambitta, il 20° di Giada Pianella, il 27° di Alessandra Costaggiu e il 38° di Carlotta Diamanti, tutte qualificate, la dice lunga sulle qualità tecniche delle nostre atlete.

Vittoria Guidoni (104°) e Valentina Baldini (114°) le due giovani atlete del 2004, si devono purtroppo accontentare per questo appuntamento delle posizioni di coda ma sapranno certamente carpire da questa prova gli elementi per far meglio nelle prossime gare.