Tale figlia...tale padre...il binomio s'inverte!!!

11.02.2019

FANO - Chi pensava che i detti popolari fossero incontrovertibili, dovrà ricredersi...e lo spunto arriva dalla 2^ Prova di Qualificazione Regionale specialità Spada tenutasi domenica scorsa nel Palazzetto "Salvador Allende" di Fano. Cambia la specialità ma la musica che porta al podio è sempre quella che suona le note GAM-BIT-TA, note che vanno a completare il pentagramma schermistico del Club Scherma Ancona. 

Ebbene si, "alla veneranda età di 54 anni" (per suo stesso dire) conquista il terzo gradino del podio "superato" soltanto da Luca Marchetti (Accademia della Scherma Fermo) 29 anni in meno all'anagrafe, classificatosi primo, Mattia Pedone (Club Scherma Pesaro) classe 1983 classificatosi secondo e Silvio Scordi (Club Scherma Fermo) ben 36 anni in meno con cui condivide la terza piazza.

Ancora un grande risultato dunque, in casa Gambitta, che va ad incrementare i successi ottenuti dalla figlia Alice, ai recenti Campionati del Mediterraneo svoltisi a Cagliari, e che conferma, se ancora ce ne fosse il bisogno, quanto la scherma sia sport longevo e salutare. 

Certo i risultati non arrivano a caso ma sono frutto di dedizione, impegno e tanta passione.

Andiamo adesso allo svolgimento della gara. Nel girone 1 parte bene il nostro Maurizio Diamanti che conquista 3 dei 6 assalti previsti mentre Lorenzo Bastianelli non va oltre una vittoria. Nel girone 2 Mattia Sordoni fa ancora meglio con 4 vittorie su 5 assalti mentre Giovanni Francesco Gambitta parte un pò in sordina, per lui il girone si conclude con due vittorie e tre sconfitte, Marco del Rosario fa invece 1 su 4. Nel girone 3 dove erano stati collocati altri 3 rappresentanti del CSA, buona la prova anche di Alessio Ionna che colleziona 4 vittorie su 5 assalti, il giovane Jetmir Giacchetti fa 1 su 5 mentre Antonio Canu, in giornata no, sul tabellino finale segna purtroppo 5 sconfitte in 5 assalti che gli pregiudicheranno purtroppo la qualificazione.

Si va alle dirette dove perdiamo subito Del Rosario che ha la peggio con la testa di serie n.1 della gara (Mattia Pedone), stessa sorte per Giacchetti che, nello scontro fratricida con il compagno di Club Ionna, ha la peggio per 15 stoccate a 9. Accedono invece agli ottavi tutti gli altri con ottimi assalti condotti in modo ineccepibile.

Si inizia a tirare per gli assalti che contano dove bisogna fare i conti con la stanchezza e la determinazione psicologica. Sulla pedana Rossa nulla da fare per Diamanti che rimedia una pesante sconfitta da Mattia Pedone mentre in pedana gialla Sordoni rende la vita dura a Silvio Scordi (testa di serie n.3 della gara), 15 a 11 il risultato di un assalto ben costruito al quale è mancato solo il risultato finale favorevole. In pedana verde va in scena il derby Gambitta-Ionna che il veterano schermidore riesce a portare a casa soffrendo con il risultato di 15 stoccate a 12. 

Nulla può Gambitta in semifinale con la testa di serie n.5 della gara, Luca Marchetti, che si rivelerà essere successivamente il vincitore della gara. Tra i due ben 863 le posizioni di differenza nel ranking assoluto nazionale che questa volta, complice anche la stanchezza dovuta alla "veneranda età", fermano la corsa del nostro alfiere.

Che dire...ancora soddisfazioni per il CSA, con la maestra Serena Di Piero, arbitro imparziale della gara e maestra dei ragazzi in sala, che umanamente avrà gioito di questa nuova "vittoria"....